Con il trenino Tobia arriva in classe un intero vagone di giochi!

Sono i giochi della Maestra Filo che suggerisce come sviluppare una didattica attiva che mette le alunne e gli alunni al centro del processo di apprendimento.

Erroneamente, ancora oggi, molti considerano il gioco solo come uno svago, fuga dalla fatica del lavoro; ma in verità il gioco è lo strumento ideale attraverso il quale il bambino esprime la propria identità e sviluppa le proprie conoscenze, anche le più complesse.

Già nell’Ottocento il filosofo tedesco Fröbel, ideatore del Kindergarten, o giardino d’infanzia, parlava di doni: oggetti di legno offerti al bambino, per indurlo alla scoperta della realtà e di se stesso. Una palla, una sfera, un cubo, un cilindro… per ogni dono Fröbel indicava l’uso che se ne poteva fare per stimolare tutte le potenzialità del bambino: osservazione, esercizio tattile, separazione e ricostruzione.

L’apprendimento attraverso il gioco è molto efficace perché scaturisce dal desiderio naturale del bambino di giocare ed esplorare il mondo e coinvolge e sviluppa la creatività e il senso di iniziativa.